mercoledì 25 febbraio 2015

Fede...


L'arte di essere perennemente nel flusso prevede la probabilità di dover fare dei salti  nel buio seguendo, il più delle volte, solo una debole sensazione. E a quanti si preoccupano di come possa sembrare una follia seguire soltanto una sensazione io rispondo che 'quella sensazione è la cosa più reale che io abbia mai avuto'. Come fai a saperlo prima? Non puoi. La conferma arriva solo a posteriori. Per questo si chiama fede, e non ragionamento.

domenica 22 febbraio 2015

Il vento..


"E ora? Dove si va?"

"...seguiamo lo spirito del vento, e lui ci dirà tutto quello che abbiamo bisogno di sapere.."

"..ma io non lo sento,  forse oggi non c'è vento.."

"Iara, il fatto che non riesci a sentire qualcosa non signfica che questa non ci sia!"

giovedì 19 febbraio 2015

vai oltre..


"Mai fermarsi, mai aggrapparsi, mai stagnare. Mai guardarsi indietro. Guardi indietro solo quando quello che c'è davanti è troppo brutto o quando non vedi nulla. Ciononostante, continua ad andare avanti, oltre, nella bruttura e nel nulla, come nella bellezza e nelle promesse del mondo. Mezzo mondo vive di minestre riscaldate, di adolescenze mai terminate, di passati che non vogliono morire come dovrebbero. Si deve andare avanti, capisci? Si deve andare sempre oltre, oltre ogni ottenimento, ogni stato, ogni vittoria, ogni presunto punto di arrivo. E mai pentirsi, mai guardare indietro, mai essere timidi.  Cerca anche di non credere di avere un solo scopo in questa vita, una sola missione, una carriera, una strada. Vai oltre anche tutte queste stupidaggini. Esiste solo l'oltre, l'andare, il crescere, l'essere. Tutto il resto è stagnare nel passato, fermarsi, morire."


martedì 3 febbraio 2015

Quando ancora stavo a guardare


... a un certo punto ho dovuto decidermi a partire. A un certo punto ho dovuto smettere di aspettare il benefattore che mi riscattasse, la donna che mi completasse, il maestro che m'insegnasse. A un certo punto ho deciso di smettere di lamentarmi e di essere un peso morto per qualcuno. Perché sì, la vita è flusso e nel flusso si entra con una decisione. E così quello che volevo fare ho iniziato a farlo, laddove non arrivavo, andava bene così. Le cose che avevo accumulate ho iniziato ad usarle e quelle cominciate ho imparato a finirle. Perché non c'è niente che al sabotatore piaccia di più degli  infiniti inizi, dell'esplorare le superfici. Ma non c'è niente che mi abbia mai reso più felice della profondità della vita, del finire quello che avevo iniziato, del farmi portare da qualcosa, che non potrò mai sapere cos'è, ma che so essere il mio viaggio. E nel viaggio c'è un'unica condizione da rispettare affinché funzioni e porti beneficio, guarigione, bellezza: dev'essere il tuo e non quello di qualcun altro.

domenica 1 febbraio 2015

Non si racconta l'invisibile


Di una vita, anche della tua, non puoi raccontare tutto. Ad esempio non puoi raccontare da dove escano le ispirazioni, le idee, da dove venga la fede da dove sgorghi la vera voce. Non puoi dire cosa ti tiene ancora in piedi a percorrere una strada che, solo fino a ieri, sembrava non portare da nessuna parte e invece oggi ti ha già fatto vedere che ci sono svolte impreviste, novità. Della mia vita non posso certo dire che sia tutta in quello che vedo con gli occhi, o in quello che gli altri credono di vedere di me... anzi a volte forse sono stato fin troppo attento a ciò che gli occhi non vedevano, ero più in allerta per certi intangibili, immateriali respiri, che per le persone in carne ed ossa. Ma non me ne sono mai pentito. Perchè i fili invisibili per quanto intangibili, sono pur sempre lì, al di sotto della realtà, intessuti da coscienze in continuo mutamento. Spesso una vaga sensazione è ciò che hai di più reale. Questa sensazione o si segue o si dimentica, bollandola come poco importante. Ogni volta che la ho seguita la mia vita ha fatto balzi, guizzi, ha trovato stradine secondarie, rivoli, vortici inaspettati di possibilità. Ogni volta che non l'ho seguita mi sono trovato a essere un po' più denso, un po' più sfocato, un po' meno presente, parecchio meno felice.... per questo ho finito per seguirla tutto il tempo.