sabato 18 aprile 2015

E le insegnai



.... e le insegnai a guardare i suoi mostri, ad averci a che fare. Le insegnai a scendere nel buio, ad affondare le mani nello sporco, a mettere i piedi nel bagnato, ad affrontare il 'male'. E vide che questo 'male' non era poi altro che una richiesta di attenzioni, un altro ragazzino come lei, che chiedeva solo di essere guardato, ascoltato...

Nessun commento:

Posta un commento